RSS

Archivi tag: api

Un nuovo inizio per Be(e) Together

9-Huruma-con-Guido-senza-i-guanti

Dopo qualche mese di inattività, grazie anche al finanziamento promosso dalla Chiesa Valdese che ha deciso di credere e supportare questo progetto, Be(e) Together torna pienamente operativo.

Gli obbiettivi principali del nuovo progetto sono la promozione e lo sviluppo dell’apicoltura in altri villaggi nella zona di Ilula (sempre nel Distretto di Kilolo) per rafforzare la sicurezza alimentare, rafforzare i gruppi di apicoltori tradizionali già esistenti e incentivarne di nuovi, migliorare ed aumentare la produzione di miele per l’autoconsumo e la vendita, creare uno sbocco commerciale per il miele prodotto nella regione e come elemento di forte innovazione, coinvolgere la popolazione albina locale per lo sviluppo di microimprese legate all’apicoltura.

Ivano e Silvia, due nostri volontari, nonché apicoltori professionisti che hanno già avuto modo di conoscere la realtà di Pomerini e quella tanzaniana, sono appena partiti per la Tanzania per dare inizio a questa nuova fase tramite una prima missione che consisterà nell’avviamento e nel monitoraggio delle attività e nell’organizzazione dei corsi di formazione.
Ivano e Silvia si dedicheranno a rendere sempre più reali gli obbiettivi che Be(e) Together si è prefissato nel tentativo di aumentare la qualità e la quantità della produzione del miele e di aumentare la sicurezza degli apicoltori, in un continuo confronto con le comunità e nel rispetto dell’ambiente e delle tradizionali tecniche di produzione.

foto 4

Ad Ivano e Silvia che iniziano oggi un lungo viaggio e questa avventura, non ci resta che augurargli buona fortuna e Safari Njema!

Altre info: http://www.ottopermillevaldese.org/

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 29/01/2014 in Uncategorized

 

Tag: , , , ,

Be(e) together

Il progetto Bee together va avanti… insieme

Scopri il progetto su http://www.tulime.org/category/progetti/progetti-a-favore-dellapicoltura/organizzazione-degli-attuali-apicoltori-e-corsi-brevi-di-apicoltura-e-commercializzazione-del-prodotto-poi-progetto-bee-together/

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 17/01/2012 in Tulimiamo

 

Tag: , , ,

Reality bee – Prima puntata

Ecco la prima puntata del diario di Jessica e Guido e del loro “Reality bee“.Partiranno a fine anno per la Tanzania.  Seguiremo il loro progetto passo dopo passo, arnia dopo arnia…

Com’è nato Bee Together?

Da un incontro…come ogni cosa!

Un amico di vecchia data, Gianni Netto, ci ha incontrato davanti casa pochi giorni dopo Natale e ci ha raccontato di Tulime, di quello che fa, dell’Africa!

L’Africa!

Quante volte ci siamo detti “andiamo in Africa a fare apicoltura”…un desiderio!

E Gianni ci ha detto che cercavano apicoltori disposti ad andare, per seguire un po’ gli apicoltori di lì!

Siamo entrati in casa…l’Africa!

Ma l’Africa dove?

Tanzania.

Ma dov’è la Tanzania?

Trovata sull’atlante! Ma è grandissima…Tanzania dove?

Altopiano di Iringa!

2000 metri di altitudine…clima tropicale ma non troppo a 2000 metri!

Ma noi il caldo manco in Africa?

Passano un po’ di giorni e chiamiamo Francesco, giù a Palermo: “Siamo gli apicoltori di Civitella Alfeden, nel Parco d’Abruzzo…Gianni ci ha parlato di voi…noi vorremmo partire, ma che dobbiamo fare?”.

Così sono iniziate una serie di mail e qualche telefonata, per chiarirci un po’ le idee.

Primo scoglio:abbiamo due figlie di 6 e 8 anni vorremmo portare anche loro…e le malattie?

La malaria e altro.

Francesco ha un bimbo di tre anni: vuole portare anche lui in Tanzania…la cosa ci rassicura!

Cominciamo ad informarci sull’apicoltura africana. Scopriamo un po’ di cose: api diverse, arnie diverse, allevamento diverso…

Siamo a febbraio e mancano ancora un po’ di mesi alla partenza…che facciamo fino a settembre?

Pensiamo di raccogliere fondi…

Allora ci serve un progetto un po’ più strutturato da presentare alla gente!

Cominciamo a chiederci cosa può davvero servire…ci dice fra Paolo che su 200 apicoltori ci sono solo 20 attrezzature per visitare e api.

Decidiamo di raccogliere fondi per comprare maschere, affumicatori, leve e guanti! Vogliamo imparare noi i loro modi di fare apicoltura per vedere se i nostri metodi possono essere utili lì o no…faremo apicoltura…insieme: Bee Together!

Ora stiamo costruendo un’arnia di tipo africano –top bar- che  è abbastanza diversa dalle nostre: così prendiamo un po’ di dimestichezza con le loro attrezzature! Ci sta aiutando Mauro, il falegname di Civitella. Ci metteremo una famiglia delle nostre dentro e l’alleveremo all’africana.

A giorni sarà pronta con le api.

 
1 Commento

Pubblicato da su 18/05/2010 in Eventi per coltivare...

 

Tag: , ,

Bee together: uno sciame di simpatia tulimica in Abruzzo

Questa sera, all’agriturismo Vallecupa di Pescasseroli alle ore 20.30, all’interno del Raduno Telemark “La Piega dell’Orso”, organizzato dallo sci club Telemark Appennini (visita anche il sito www.telemarktribe.com), verrà presentato “Bee togheter”, il nuovo progetto di Tulime Onlus nei villaggi tanzaniani dell’altopiano di Iringa.

Be(e) Together è un progetto di apicoltura che verrà realizzato negli otto villaggi dell’altopiano di Iringa dove è presente Tulime con l’aiuto di Guido e Jessica, apicoltori titolari dell’azienza apistica “Le Fate dei Fiori” di Civitella Alfedena, nel Parco Nazionale d’Abruzzo.

L’idea del progetto è di “essere” (be) insieme per fare apicoltura (bee) insieme (together). Cercare punti comuni tra due modi un po’ diversi di allevare api e produrre miele: riuscire a utilizzare le cose buone di entrambi per lavorare in modo più sicuro e proficuo.

Nei villaggi dell’altopiano tanzaniano, le persone interessate all’allevamento delle api sono circa 150. A fronte di un così alto numero di apicoltori, le attrezzature basilari per visitare le colonie di api –maschere protettive, guanti, leve e affumicatori- sono solo una ventina. Il tipo di ape pesente sull’altopiano è la Mellifera Scutellata, una razza molto simile alla nostra Ligustica Italiana, ma con un comportamento difensivo e riproduttivo molto spiccati. Cioè le api, quando vengono visitate,  tendono più rapidamente e facilmente a mettersi in allarme, e quindi a pungere, e a  sciamare ossia a formare nuove colonie e abbandonare l’arnia.

  • dotare il maggior numero di apicoltori dell’equipaggiamento per visitare le colonie di api in modo da lavorare più protetti dalle punture;

sulla base delle nostre e delle loro conoscenze, studiare modi di allevamento che disturbino il meno possibile le api e limitino la sciamatura.

 
 

Tag: , , ,