RSS

Seeds of Hope – Dai una Mano a Seminare in Nepal

08 Giu

Il Nepal è un paese povero dell’Asia del sud dove l’agricoltura è il più grande settore economico, contribuendo per il 35 % del PIL, impiegando i due terzi della popolazione totale. Il Nepal ha concluso una lunga guerra civile nel 2006 grazie ad un ‘accordo globale di pace’. La povertà si è diffusa nel paese ed ha portato verso una carenza di nutrienti in particolare nella dieta di bambini e donne e ha causato l’emigrazione di molti uomini. Calamità naturali gravi come siccità e  inondazioni sono eventi annuali che causano enormi danni alla produzione agricola e alla sicurezza alimentare. Quest’anno ci sono stati due grandi terremoti il 25 aprile e il 12 maggio, contribuendo alla perdita di cibo in stoccaggio e di semi, inficiando ancora di più la sicurezza alimentare.

Tulime ha avviato un intervento di emergenza e post-emergenza nei wards 1, 2, 3 e 4 della municipalità di Changunarayan (ex-Chhaling), dando priorità alle esigenze degli studenti per garantire una buona qualità per l’avvio della scuola. I quattro wards si trovano in una zona collinare nel distretto di Bhaktapur, uno dei più colpiti dal terremoto e qui l’agricoltura è la maggiore fonte di reddito.

La maggior parte degli agricoltori nelle colline del Nepal usano varietà vegetali locali che ottengono dal proprio stoccaggio o dallo scambio di sementi con altri agricoltori, e molte delle attività svolte in agricoltura sono possibili solo durante il monsone, per tre o quattro mesi all’anno. I due grandi terremoti che hanno colpito il paese ad Aprile e Maggio, hanno causato la perdita di molte case e capanni di stoccaggio. Ciò significa che molte persone non hanno perso solo il cibo per i prossimi mesi, ma anche i semi per i prossimi anni.

La maggior parte del reddito di una famiglia è usato per il cibo meno piantato nelle colline, come ortaggi e frutta. Nelle ultime settimane molte delle risorse dei contadini dei quattro wards sono state utilizzate per costruire ripari, creando una situazione molto insicura per l’acquisto di beni alimentari nei prossimi mesi.

Gli agricoltori quando affrontano situazioni di stress scelgono come soluzioni il prestito di denaro, la riduzione delle spese alimentari, la vendita di beni, di fare lasciare la scuola ai propri figli e/o mandarli da qualche parente. Nella situazione attuale, a causa del terremoto, alcune delle opzioni come il prestito di denaro o la vendita di beni sono molto limitate. Per questo motivo Tulime è molto preoccupata con le altre opzioni lasciate agli agricoltori. Non vogliamo che le scuole perdano gli studenti iscritti e vogliamo garantire un cibo sano per i mesi futuri!

Tutti noi meritiamo una vita dignitosa. Ancor più lo meritano coloro che tanto hanno lottato per avere finalmente una casa e in meno di un minuto hanno visto tutto ridotto a un cumulo di macerie. Così, crediamo fortemente che la distribuzione di semi sia l’opzione migliore per garantire il prossimo piano d’azione di supporto alla comunità dei quattro wards! Per chi opera in agricoltura questo non significa solo ‘cibo’, ma anche: lavoro, dignità e futuro. In questa campagna ci siamo concentrati sui semi di ortaggi che saranno seminati nel mese di Settembre. Nella confezione da distribuire a ogni famiglia, saranno inclusi semi di cinque diversi ortaggi (pomodoro, cavolfiore, zucchina, melanzana e cetriolo). Ecco perché chiediamo ad alta voce a tutti ‘Dai una mano a seminare in Nepal’! In questo modo non ci limitiamo ad aiutare il lavoro e il mantenimento dell’economia ma potrà anche essere l’occasione per introdurre una maggiore varietà di ortaggi (che tradotti significano vitamine e nutrienti per la dieta) alla gente che vive nella comunità con cui collaboriamo.

seeds of hope (1)

 Nepal is a poor country in south Asia where agriculture is the largest economic sector, contributing to 35 %  of GDP and employing two thirds of the total population. Nepal ended a long civil war by a ‘Comprehensive peace accord’ in 2006. Poverty was spread out in the country leading to nutrient deficiency, particularly on children and women, and to emigration of men. Natural calamities such as severe droughts or floods are annual events aggravating agriculture production and food security. This year there were two big earthquakes in April 25 and May 12, contributing to the lost of stored food and seeds and affecting even more food security.

            Tulime is starting an emergency and post-emergency action in the wards 1, 2, 3 and 4 of Changuanarayan municipality (ex-Chhaling), Bhaktapur district, giving priority to the needs of students and ensuring a good quality for their school beginning. The four wards are located in a hill area in Bhaktapur district, one of the most affected by the earthquakes and for most of the population agriculture is the only source of income.

            Most of the farmers in the hills of Nepal use plant local varieties that they get from their own stock from previous season or seed exchange with other farmers and most of the agriculture activity is possible only during the monsoon for three or four months a year. The two big earthquakes, which occurred in April and May, meant the lost of many homes and storage infrastructures. This implies that many Nepalese people lost not just the food for the next months but also the seeds for the next years.

            Most of the income in a family is used for buying food which is not found in the hills such as fruits and vegetables. In this moment the farmers of the area are using a lot of resources to build shelters, creating a very insecure situation for the next months in case they will have to purchase food goods. When farmers in Nepal face stress situations choose to borrow money as first solution, then they reduce the food expenses, selling assets, drop children from school or send them to some relative. In the actual situation, due to the earthquake, some options like borrowing money or selling assets is very limited. Tulime is very worried with the other options left for the farmers. We don’t want the schools to reduce the number of registered students and we want to guarantee a healthy food for the future months.

            We all deserve to live with dignity. Mostly those who struggled so much to finally have a home and in less than a minute saw everything being reduced to a pile of rocks and wood. In this way we strongly believe that seed distribution is the best choice for the next plan of action! For those who work in agriculture receiving seeds does not just mean ‘food’, but also: work, dignity and future. In this campaign we focused in vegetables seeds that will be sown in September or before. In the pack to be distributed to each family, seeds of five different vegetables will be included. That’s why we want you to ‘Give a Hand to Sow in Nepal’! In this way we do not just contribute for the work and economy maintenance but we can also give an opportunity to introduce a bigger variety of vegetables, that mean nutrients and vitamins to the people living in the community we collaborate with.

 

Annunci
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 08/06/2015 in Nepal

 

Tag: ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: