RSS

Huruma e le api italiane

13 Giu
La storia di Huruma, da una mail di Jessica (progetto Bee Together)
Huruma è qui da una settimana. Vi scrivo solo ora perchè volevo avere qualcosa da raccontare, che non fossero solo le prime impressioni! La sua presenza qui ci ha aperto gli occhi sull’enormità del divario che ci separa,  molto più di quando siamo stati lì a Pomerini.
In verità la vita per noi a Pomerini è stata come una specie di “gita nel mondo rurale di un tempo passato”…un po’ come quando andiamo in montagna con la tenda per qualche giorno e cuociamo qualcosa col fuoco, raccogliamo piante spontanee per farne tisane e beviamo direttamente dalle sorgenti…conoscendo però il mondo in cui sempre viviamo.
Per Huruma l’arrivo qui è stato qualosa di favolistico! Un mondo di macchinari mai visti, di acquedotti, di tecnologie inimagginabili…come se noi andassimo su un altro pianeta e vedessimo cose che mai avremmo potuto immaginare… Il suo stupore è grandissimo.
Ieri lui e Guido sono stati in Val di Rose per vedere la neve….ci ha camminato sopra, l’ha toccata e mangiata con una felicità che vedi solo negli occhi di un bambino (vi mando le foto stasera)…hanno visto i camosci e (ovviamente) anche i cervi…ma non nutre questo grande  interesse per gli animali: ci credo! Con quello che c’è in Africa!!!
Huruma ha cominciato a lavorare anche con le nostre api, insieme a Guido…la primissima impressione è stata:”The italian bees are friends”…e com’è vero!!!
Huruma ha individuato alcuni interventi per Pomerini…ne parleremo in dettaglio con voi quando ci vediamo al miting.
Mangia tutto e con gran piacere! Ha detto che a scuola a studiato l’importanza del pane (del grano) nella dieta umana e vuole imparare a fare il pane. Gli abbiamo detto che però serve un forno e che non è difficilissimo costruirlo…e quindi lo vuole fare! Ieri sera ci ha detto che molti cervelli in Africa “dormono” per mancanza di buon cibo e di buoni studi e che molte cose per stare meglio si possono fare con le mani senza pensare solo a guadagnare soldi…molti africani pensano che per stare meglio servano i soldi ma lui dice che serve conoscenza ed esperienza…

Ora vi sto scrivendo dall’ufficio della cooperativa con cui lavoro come accompagnatrice di montagna (sto aspettando un gruppetto in ritardo) per questo non ho le foto di ieri con me, Huruma sta ferrando telaini in magazzino e Guido sta lavorando con la ditta edile..

http://www.flickr.com//photos/tulime/sets/72157624481009948/show/

Annunci
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 13/06/2011 in Tulimiamo

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: